Gli stimoli guideranno la ripresa economica?

Sia dal lato Europeo dell’Oceano che da quello Americano le politiche stanno convergendo verso un unicum di stimoli di varia natura: finanziaria, monetaria e fiscale.

Se il nuovo presidente Usa ha assicurato un pacchetto importante per far ripartire l’economia e contestualmente il piano di vaccinazioni sta iniziando a dare i primi frutti nei tre paesi più avanti sotto questo punto di vista (Israele, Inghilterra e Usa), in Europa abbiamo una situazione maggiormente frammentata con l’Italia che sembra finalmente aver trovato la quadra.

L’intervento quasi estratto dal cilindro di Mario Draghi potrebbe garantire il governo Italiano più quotato in Europa dalla nascita dell’Unione.

La credibilità unita al buon lavoro fatto dal nostro ministro dell’economia in questi anni è un buon inizio per riuscire a portare a termine il compito di guidare il paese nella spesa della montagna di soldi che potrebbero arrivare dall’Unione Europea e del piano vaccinale.

Lo spread tra i titoli di stato Italiani e quelli Tedeschi non è mai stato così basso, va ricordato però che a livello mondiale solo il dieci percento delle obbligazioni restituisce un rendimento superiore al tre percento all’anno.

Significa che tantissime obbligazioni di aziende considerate in difficoltà e quindi molto rischiose danno rendimenti troppo bassi affinché i risparmiatori retail si possano assumere il rischio di acquistarle, tutto ciò spinge l’enorme massa di liquidità verso i mercati azionari.

La ricerca di rendimento adeguato al rischio non si esaurisce qui, molti mercati azionari sono comunque eccessivamente cari al momento e le prossime settimane di dati Usa relativi agli utili aziendali potrebbero creare qualche malumore tra gli operatori finanziari.

Resta poi il nodo ancora irrisolto dei rivoluzionari di “Reddit”, che attraverso il social network hanno manipolato i mercati, tra le ultime posizioni assunte vi è stato l’argento che ha subito forti oscillazioni dei prezzi proprio a causa degli acquisti messi in campo da questi organizzati risparmiatori amatoriali.

Il 2021 si prospetta quindi con molte promesse: di vaccinazioni di massa, di ripartenza, di stimoli finanziari e monetari; speriamo che le aspettative si realizzino perché diversamente potremmo rivedere ribassi sui mercati.

(08.02.2021)

(rubrica a cura del dott. Andrea Rizzini - Consulente ed Analista Finanziario Indipendente)