L'annosa questione riguardo la patrimoniale sui risparmi

Gli italiani hanno sempre avuto un’interpretazione sbagliata della patrimoniale, vista come uno spettro ruba soldi dai conti correnti piani di sudati risparmi.

Purtroppo anche i politici hanno contribuito ad alimentare questa sensazione sgradevole di fronte a una patrimoniale che ingiustamente andrebbe a colpire anche i più piccoli risparmi.

In linea teorica invece una patrimoniale gestita in modo serio potrebbe essere un incentivo notevole per l’economia e per la riallocazione delle risorse; parliamo di un’imposta patrimoniale sui grandi, grandissimi patrimoni oltre i milioni di euro di giacenze.

Allo stesso modo ma operando in un campo differente molti economisti avvallano l’idea di tasse molto più alte per redditi molto alti, parliamo anche qui di redditi annui che a noi comuni mortali toccano relativamente, sopra i cinquecento mila euro all’anno.

Tutte queste misure andrebbero a toccare forse il 5% della popolazione ma aiuterebbero a ridurre la disuguaglianza all’interno della nostra economia e per un effetto boomerang aumenterebbero il benessere di tutti i cittadini.

Al momento invece ci troviamo di fatto una patrimoniale su tutti gli strumenti finanziari, l’imposizione dello 0,2% su tutti gli strumenti finanziari pesa tantissimo sui risparmi degli Italiani considerando che i rendimenti obbligazionari sono intorno allo zero.

Questa imposta sugli strumenti finanziari indiscriminata adesso è particolarmente ingiusta, pesa in percentuale sia sui grandissimi patrimoni sia su quelli piccoli che si stanno costruendo per avere un salvagente in caso di brutto tempo.

Per cambiare le cose dobbiamo esserne consapevoli, l’informazione e la formazione sono fondamentali.

Hanno mascherato una patrimoniale continua, anno su anno, come imposta sugli strumenti finanziari; in dieci anni prelevano il 2% dei patrimoni anche dei piccoli risparmiatori, di chi si deve comprare la casa per vivere, la macchina per andare a lavoro o risparmia perché ogni tanto dovrà andare dal dentista.

Non possiamo più accettare che si peschi sempre nelle tasche di chi già fa fatica a stabilizzarsi economicamente, la patrimoniale o le imposte sui super-redditi sono economicamente eque se non gravano sui contribuenti con meno disponibilità economiche.

(13.09.2021)

(rubrica a cura del dott. Andrea Rizzini - Consulente ed Analista Finanziario Indipendente)