Congiunture economiche : significato e utilizzo pratico

Spesso sentiamo parlare di congiuntura economica, a volte a sproposito confondendone il reale valore espressivo. Se ne parla sovente infatti in accezione negativa, volendo significare un momento particolarmente sfavorevole riguardo l’economia di una Nazione; si utilizza anche per indicare segmenti di tempo molto brevi o in qualche caso persino per illustrare singoli dati economici negativi. In realtà la congiuntura è un momento storico non breve, negli ultimi anni ne abbiamo avuto una dimostrazione attraverso la crisi, essa infatti ne è stata espressione negativa durata anni e segnerà la storia mondiale indelebilmente. Anche i periodi bui però finiscono e molti segnali ora fanno sperare in una congiuntura economica positiva alle porte; nonostante gli Stati Uniti stiano vivendo una ripresa da “alti e bassi” il mondo ha ripreso la strada in salita e piano piano entriamo in questa fase positiva. In Europa si è verificato il primo mese di ripresa positiva dei prestiti al consumo e alle imprese che permanevano in zona negativa dall’inizio della crisi, i paesi emergenti stanno riprendendo la spinta verso il benessere e c’è maggiore consapevolezza dei passi da compiere per il futuro: investire sulla qualità. Per questo motivo l’attuale congiuntura economica rappresenta un’opportunità per il risparmiatore Italiano e ancora di più per gli investitori; nello sviluppo di questa fase sarà probabilmente penalizzato il conservatore e chi non si libererà della paura mantenendo obbligazioni statali di durata trentennale. I tassi europei infatti prima o poi saliranno e questo non significa dover per forza aumentare la propria propensione al rischio uscendo dall’obbligazionario ed entrando a gamba tesa nell’azionario; anche in questi momenti il giusto mezzo ci deve guidare nell’esporci in modo consapevole ed equilibrato alla ripresa economica. Quando tutto va bene sembra semplice investire e guardare i guadagni crescere ma sono proprio questi i casi più pericolosi, dove bisogna costruire il risparmio con consapevolezza e professionalità per evitare di ricadere nella prossima congiuntura negativa con tutte le scarpe.

(07.05.2015)

(rubrica a cura del dott. Andrea Rizzini - Consulente ed Analista Finanziario Indipendente)