Investire per tematiche : demografia e risorse

Il mercato dei temi d’investimento è da qualche anno preso d’assalto dalle case di fondi e ultimamente anche dalle case emittenti di Etf. Dopo essere passati da distinzioni basiche tra mondo occidentale ed emergenti, attraversato il periodo delle distinzioni in base all’area geografica e per comparto, arriviamo ora a ben più alti livelli di sofisticazione. Al giorno d’oggi infatti è possibile puntare su qualsiasi scenario futuro di sviluppo dei mercati, un esempio che mi attrae e sembra molto convincente è quello legato agli investimenti basati sul ciclo demografico delle economie occidentali. Come è noto invecchiamo e facciamo meno figli, per questo la curva d’invecchiamento della popolazione porterà ad aumentare la percentuale di over sessantacinque nel nostro come in molti paesi Europei prima e mondiali poi. Per questo motivo il comparto delle aziende che producono dispositivi o servizi rivolti alla terza età sembra essere uno dei più promettenti se guardiamo alla dinamica del fatturato ma soprattutto degli utili futuri. Come in molti altri casi le opzioni non mancano: si può decidere di fare da se e scegliere un gruppo di azioni di aziende del settore che riteniamo essere in ottime condizioni sia a livello fondamentale che a livello di prezzo di mercato oppure possiamo affidarci a chi mette a disposizione team e risorse per individuarle e trasformarle in fondi o Etf. Esistono infatti dei fondi comuni d’investimento che selezionano e studiano realtà aziendali votate a questa dinamica demografica e alcuni di essi riescono effettivamente a creare un vantaggio rispetto al normale indice azionario di riferimento. Così come il ciclo demografico esistono altri temi ben rappresentati sui mercati d’investimento, legati al progresso nelle infrastrutture, alle energie pulite, alle risorse idriche o a investimenti eticamente guidati. Molti di questi temi vengono chiamati in gergo “megatrend” ovvero sviluppi positivi prevedibili di questi mercati che attraversano diversi anni e quindi non si esauriscono nel breve periodo; infatti allocazioni tematiche legate a suddetti temi trascendono dal periodo economico di breve e debbono essere necessariamente orientate al lungo periodo.

(16.06.2015)

(rubrica a cura del dott. Andrea Rizzini - Consulente ed Analista Finanziario Indipendente)