Sulle pensioni si allungano i tempi di accesso

Con la legge di stabilità si sono definiti alcuni spinosi nodi riguardo a elementi normativi che incidono direttamente sul tempo di accesso alla pensione di molti italiani.

Purtroppo i tempi fisici per la pensione si allungano di anno in anno in base alla speranza i vita anche se a volte sembrano fin beffardi nel “saltare” determinati anni e condannando lavoratori già speranzosi ed in procinto ad ulteriori anni di attività.

Per quanto riguarda una grossa fetta di lavoratrici, ovvero chi ha raggiunto i requisiti entro il 2015 per accedere al bonus donna, si prospetta un allungamento del periodo in cui si può richiedere sino a tutto il 2016 con un particolare fattore che giudica raggiunti i requisiti anche in assenza del tempo per la “finestra” mobile di accesso.

Si libera in pratica un altro anno per il raggiungimento dei requisiti di queste lavoratrici che intendono optare per il contributivo.

Una questione che ci sta a cuore e che spesso ci chiedono è la determinazione della rivalutazione del montante accumulato per la pensione; in questi anni economicamente bui infatti in molti non hanno visto accrescere il capitale.

In effetti il tasso di capitalizzazione utilizzato dovrebbe essere pari al Pil maggiorato dall’inflazione, ben possiamo intendere che quando questi due sono negativi o anche uno dei due lo è la nostra rivalutazione rischia di perdersi per strada o addirittura “bruciare” risparmi.

Quest’ultima eventualità è stata fortunatamente scongiurata e in futuro speriamo che insieme a un Pil in apparenza in ripresa si affianchi un’inflazione cauta ma tale da spingere anche l’economia a ripartire.

Dati statistici mostrano come gli Italiani si impegnino sempre di più nel conoscere la propria situazione previdenziale e nel cercare di ottimizzarla attraverso i vari istituti che l’Inps mette a disposizione.

Questo è sicuramente un fattore di crescita di quell’educazione finanziaria che tanto auspichiamo per il nostro paese; conviene aver accesso al proprio cassetto previdenziale onde controllare i contributi effettivamente versati e caricati sulla posizione individuale.

(02.02.2016)

(rubrica a cura del dott. Andrea Rizzini - Consulente ed Analista Finanziario Indipendente)